Archivi categoria: Retrospettiva

Proverbi e Detti Antichi Sandonatesi

Luigi Iannitelli

Questo lavoro e stato portato a compimento dal GRANDE e dico GRANDE PRESIDENTE LUIGI IANNITELLI
il quale resta sempre nei nostri cuori…Grazie Luigi

Proverbi e Detti Antichi Sandonatesi

· Margarita ammassadu pani goii ammassadi e craii u sciccanadi và na musca ardita ardita e muzzicadi aru culu i margarita;

· Quannu chiova ccu’ suli si maritadi a vurpa;

· Quannu annuvula da muntagna piia u zappuni e bba guadagna;

· Quannu annuvula da marina piia a cassarola e bba cucina;

· Quannu chiovidi u quattru Aprili chiovidi ppi quaranta iuorni e si dice quattru aprilanti giorni quaranta;

· Quannu u culu canta a casa và nnanti;

· Piscia chiaru e tiani nculu u miadicu;

· A Santa Lucia a Natali tridici cci nnanu fati u cuntu buanu ca dudici cci nni su’;

· Na vota c’era na vecchia ca cusia sacchi viacchi dre scappatu nu puntu statti cittu ca mo’ tu cuntu;

· A fimmina quannu vò trovaru luacu cchi spranza cci vò teni u nnammuratu;

· Lassa a murenti e và ara parturenti;

· Jdita fini e manu gintili, quista era pena chi mi fà murì;

· “I ghiuarni mbristati “ Suari miia aprili mbrestami ttri dili, frati miia marzu piiatinni quattru (và marzu e sinni piia cinqui);

· Mbriiacati tu mbriiacati tu si cadi malatu tà fricasi tù;

· Adruvi c’è gustu onc’è pirdenza;

· U cacatu si fa gabbu do pisciatu;

· Agustu è capiviarnu;

· Marzu marzicchiu nura chiova e nura assulicchia;

· A riggina gada avutu bisuagnu da riggina;

· Vicini mia spicchiali mia;

· Niaiu supa denti onna bisuagnu do parenti;

· Binidittu quiru pani chi lu venniri si sciccana maliditti quiri trizzi chi lu venniri sintrizzanu;

· Dianniscanza do riccu npovirutu e do poviru arriccutu;

· Arrassati cavudara ca mi tingisi;

· U lupu vurdu oncredidu dighiunu;

· Si vò mannà na jstima a gunu: sditti i curta e malatija;

· Stipata mangià e no da lavurà;

· Guacchi obbidiannu cori odduliannu;

· Pisciuliia minutu minutu fanu sfrusciu li canali quannu fischadu cardiddru vadaspassu u cardinali;

· Cuarivu cuarivu malidittu quanti voti ti laiu dittu no ghiidi ara mia funtana ca ti chiamu ruffianu;

· Chini lassadi a viia vecchia pi quira nova, sapi quira chi lassadi ma non sapi quira chi trova;

· I guaii da pignata i sapidi a cucchiara chi i riminadi;

· C’era nna cupa cupogna cci nziccavadi u sbirigulognu si u sbirigulognu tiradu pilu signuri patruni ca ccedi u ghiilu;

· Tiagnu na spina aru pedi tira tira cangora ccedi;

· Chi ti là dittu ca non tiagnu dota, tiagnu na cascia di stuppa filata, minadu viantu e si cci nbizza fuacu, si vrusciada’ cascia e puru lu filatu;

· Gavuciddruzzu mia di la muntagna, cumu cci si arridduttu senza pinni, vianitinni ccu mia nu paru d’anni, ti cacciu l’ali e ti mintu li pinni;

· Calabrisi e muli non piscianu mai suli;

· Povireddra a mugghiera do picuraru, nu iuarnu ara casa e setti aru pagghiaru;

· Lu picuraru mia da pugghia veni porta ra nova ca si vò nzuradi;

· Larga è la foglia e stretta è la via, dite la vostra che io ho detto la mia.

Omaggio al Barone Don Franco Campolongo

Di Gregorio Cortese

Il Barone Francesco CAMPOLONGO

Nasce a San donato di Ninea il 17.10.1924, deceduto a Roma il 24.02.1987, in paese tutti lo chiamavano Don Franco, quel Don non significava solo Barone, ma voleva dire “Amico mio”, perché¨ lui era un amico sincero di tutti i compaesani, pronto all’aiuto disinteressato di chi ne avesse bisogno; in particolar modo, era vicino ai giovani ai quali dedicava tutto il suo tempo libero.
In paese non c’era un oratorio e lui “raccoglieva” i ragazzi che bighellonavano per strada e li educava allo sport.
Riorganizzo il vecchio campo di calcio del paese, che dal 1987 porta il suo nome, e fece allenare li i suoi ragazzi; parlava loro di calcio, atletica e ogni altra disciplina sportiva e seminava nei loro cuori i principi di correttezza, lealtà , generosità e di sano agonismo che sono alla base dello sport.
Realizzo tornei di calcio con i paesi vicini e porto in trasferta la squadra, perché anche questi incontri erano occasioni di socializzazione e sana crescita per i giovani.
Nel 1965, organizzo il 1° Meeting di atletica leggera che in pochi anni, con l’alto patrocinio del Presidente della Repubblica Italiana divenne prima Nazionale e poi Europeo di mezzofondo, gara podistica che si svolgeva nel percorso in salita dal “Pantano sino in piazza Sellata”.
L’8 agostio il paese era in festa, ma gia da mesi i ragazzi più promettenti Continua a leggere

Saverio Bisignani (Ziu Saminu)

Con questa pagina vorrei rendere omaggio al mio MITICO zio conosciuto da tutti con il soprannome di “Ziu Saminu Bisignani

Mio zio  “Saminu Bisignani” (Saverio Bisignani) é nato a San Donato di Ninea il 13 ottobre 1913 si sposò a 26 anni con la Zia” Maria Iannuzzi” il 16 Dicembre 1939, hanno avuto due figli, Angelina e Settimio.

Questa foto mi sta molto a cuore, questo personaggio, per me, é l’uomo veramente più mitico del paese di San Donato di Ninea. La foto rappresenta qualcosa di straordinario per i tempi di oggi, ma non era una rivoluzione per quei tempi, la data esatta non la conosco, ma dovrebbe essere nel 1954-55, non di più; mi fa piacere che molte sono le testimonianze arrivate dopo aver visto questa foto.

Mio zio era eccezzionale, sempre in anticipo sui tempi, per esempio, fu il primo ad avere i capelli lunghi, prima del 1968. Dovete immagginare che quando era a corto d’idee prendeva l’aereo, andava in America per vedere Continua a leggere