Archivi categoria: Cronaca del paese

San Donato di Ninea (CS): La presa di coscienza dei cittadini

La redazione …

Trovato per puro caso  lo pubblichiamo:

mercoledì 10 dicembre 2008 di Francesco Pacienza

Un cittadino di San Donato scrive all’Associazione ambientalista Fare Verde una lettera sulla scia delle denunce e delle prese di posizione fatte da questa associazione in merito alla vicenda di una pseudo gestione eco-sostenibile dei boschi ricadenti in zona 1 e 2 del Parco Nazionale del Pollino.

 

69328_171584122854332_100000082365865_579072_6341276_n

L’associazione ambientalista Fare Verde, la sede provinciale di Cosenza che si è occupata per prima della vicenda, ha ricevuto nei giorni scorsi una lettera da parte di un cittadino di San Donato di Ninea. Questa lettera, pubblicata integralmente ed a firma dell’autore di seguito riportata, rappresenta non solo uno sfogo ma anche una triste riflessione sulla capacità amministrativa e gestionale di alcuni Sindaci.

Brevemente ricordiamo i fatti all’origine della vicenda e della lettera. Il Comune di San Donato di Ninea (CS) cede una superficie pari ad oltre 3000 ettari di bosco, interamente ricadenti in zona 1 e 2 del Parco Nazionale del Pollino ed anche in aree di particolare pregio SIC e ZPS, ad una società, Bio for Energy, con la pesudo motivazione di “gestione eco-sostenibie dei boschi” finalizzata al taglio di piante di particolare pregio (Ontano, Querce, Faggio e il protetto Pino Loricato) da avviare alle industrie del legno, alla produzione di pellet e ad alimentare centrali a biomasse per la produzione di energia elettrica. Tutto questo per un periodo di 10 anni, durante i quali il Comune incasserà la “stratosferica” somma di circa 400.000 (Quattrocentomila) Euro. Tutto ciò senza le necessarie autorizzazioni, che sarebbero state certamente negate, rilasciate dall’Ente Parco del Pollino.

Da qui la denuncia che Fare Verde ha presentato alla Procura della Repubblica di Castrovillari (CS) da cui sono partiti prima il sequestro preventivo dell’intera area, poi l’emissione di 14 avvisi di garanzia a vario titolo, di cui 9 ad appartenenti al Comune, e l’intervento da parte dei tecnici del Ministero dell’Ambiente.

San Donato di Ninea, quale democrazia! Un sindaco che tenta di ricostruire una piccola Stalingrado nel cuore del Parco del Pollino, in un piccolo centro situato a 850 mt. s.m. ai piedi del cozzo Pellegrino, dove la vegetazione forestale comprende la zona del Castanetum e del Fagetum. Nel Fagetum vegeta il pino loricato, albero di enorme prestigio e valore naturalistico e scientifico.

Il gruppo montuoso della mula offre uno degli ultimi habitat per il capriolo appenninico. Nei boschi vivono il gatto selvatico, il ghiro, il lupo, lo scoiattolo, il cinghiale, il raro picchio nero, la poiana e la regina dei cieli: l’aquila reale. Questa piccola descrizione del territorio serve a far conoscere al lettore alcune delle ricchezze così preziose di questo stupendo paese… San Donato di Ninea! Continua a leggere

ADSL anche a San Donato di Ninea

Luigi Bisignani

Viviamo in un’epoca dove alcune cose sono rientrate nella nostra quotidianità, una di queste è l’uso di internet, uno strumento che ci permette di sentirci più liberi all’interno di un mondo dove la parola libertà ha i suoi limiti… la tecnologia avanzata e la grafica dei siti moderni non consente al cittadino di poter utilizzare una risorsa importante che è l’uso di internet data la lentezza delle vecchie connessioni con il modem tradizionale….
L’adsl ormai è arrivata ad Altomonte, a San Sosti, c’è perfino alla Ficara, come mai noi che stiamo in mezzo non usufruiamo ancora di Continua a leggere