Archivi del giorno: 25 giugno 2011

STUDIO STORICO E DI MINERALOGIA “SOPRA S. DONATO NINEA”Roberto Campolongo 1913

La redazione …

Roberto Campolongo

STUDIO STORICO E DI MINERALOGIA

COSENZA  Tipografia di R. Riccio  1913

AVVERTENZA
——-******——-
Da più tempo avevo in mente di scrivere uno studio storico sopra San Donato Ninea, che si perde nell’oscurità dei secoli, per poterlo tramandare ai nostri futuri nipoti. Ma messomi a scrivere, non poche furono le difficoltà che incontrai, e per non lasciare il lavoro a metà, ho dovuto riscontrare parecchi lavori di autori diversi che hanno scritto sopra la Calabria, ma notizie ne trovai poche, con tutto ciò mi sono state utili, perché unite alla tradizione orale, mi hanno fatto determinare la loro classificazione etnografica. Le reliquie poi delle loro abitazioni e delle loro suppellettili, mi hanno dato un’idea chiara del modo come vivevano e quali erano i costumi dei Sandonatesi.

Vi sono riuscito? Giudicheranno gli altri.

S. Donato Ninea

Roberto Campolongo

69436_1413910067798_1233932281_30926776_6928814_n

CAP. I

Topografia – Clima – Flora e Fauna

San Donato Ninea sorge sul ridosso di una collina alle falde della montagna denominata Serra di Santa Croce, ad una altezza di ottocento metri sopra il livello del mare. La sua posizione, quantunque scomoda, a forma di scala, distante un’ora dalla via provinciale sottostante, pure gode di un incantevole panorama, l’occhio si spazia lungamente e si diletta a guardare le montagne della Sila con tutti i paeselli circonvicini di Santa Sofia, Corigliano, Spezzano Grande, la pianura di Sibari, il vicino Altomonte e Policastrello.I suoi confini sono: dalla parte destra Policastrello e le montagne di Serra Santa Croce; dalla sinistra Acquaformosa con le montagne della Madonna del Monte; dalla parte di basso, con le pianure della Ficaia e Macellaio. I fiumi che bagnano le due parti laterali del paese sono: il Rosa e il Grondi. Il fiume Rosa nasce dalle montagne di Piani Puledro e scarica le sue acque nel fiume Occida sotto Mottafollone, ed è rinomato per la pesca del reale, della trota, della lampreda e dell’anguillone. Il Grondi nasce dalla montagne della Madonna del Monte, dalla fontana detta Mangano e scarica le sue acque nel fiume Esare sotto Altomonte. Oltre ai suddetti fiumi, abbiamo altre sorgenti di acqua che sono di grande utilità pel paese, sia per l’innaffiamento dei giardini. E sia ancora come acqua potabile per gli abitanti stessi. I monti principali sono: la Mula, così detta dallo Zannoni, a mille e duecento metri sul livello del mare, si estende nel Serapolio alla pietra di San Cirneco a Buonvicino. L’importante di questo monte è perché si trovano in esso il cristallo purissimo, il sale terrestre, i berilli, la pietra frigia e la silicea. Il suolo è composto di roccia silicea con terreno primitivo, vi abbonda il granito ed il calcare stratificato sub appennino. Nelle parti, poi, ove lo schisto s’incontra con le rocce terziarie, si vede il granito e la calcarea primitiva a forma di filoni orizzontali. La montagna Calva e Piano Puledro sono della stessa natura della Mula, e vi abbonda l’albero del faggio. La pianura sottostante offre sostanze vulcaniche con segni di combustioni; vi si trova la pirite idrorgirocuprica con punti piritosi disseminati nel calcare granelloso ed il lapillo con i fossili combustibili dei terrini mediani. Si trova ancora la marna argillosa, o creta, la marna calcare, o talcosa, denominata tufo, ed un’altra specie di creta nericcia, temente, impura ed infarcita di pietruzze, detta madda. Dalla marna argillosa si formano le tegole; la marna calcarea si cambia in calce, e la creta in prismi, a guisa di mattoni cotti al sole, si usa come pietra per fabbricare le case di campagna. Continua a leggere

Annunci

Auguri ai nuovi propietari del nuovo tabacchino do”JARDINU”

Luigi Bisignani …

Due giovani paesani danno un bell’esempio,ridando una nuova vita al conosciutissimo Tabacchino do  “Jardinu”

271044_221507174549193_100000697354804_722839_3429974_n

Partiti come tanti giovani verso il nord per lavoro dopo aver terminato  gli studi…

262233_221507367882507_100000697354804_722846_251076_n

Dopo aver passato qualche anno nel lontano e grigio nord eccoli di ritorno e danno avvio alla prima tappa del rinnovo,della rinascita SANDONATESE…?

269990_221507421215835_100000697354804_722848_492878_n

Giovanna e Francesco due giovani coraggiosi, attacati alla propia terra natale agiscono dando l’esempio da seguire se si vuole far rinascere il paese…

I miei miglior auguri di una grande riuscita…

Sperando che altri seguiranno questo coraggioso e bell’esempio !