Archivi del mese: maggio 2011

GRANDE MANIFESTAZIONE :Trekking dei due mari: la grande attraversata.

Luigi Bisignani …

Data di realizzazione: dal 18 al 29 giugno 2011
Da un’idea di Nicola Zaccato –Studio dei percorsi e guida a cura di
Nicola Zaccato .Il gruppo “AMICI DI SAN DONATO DI NINEA NEL MONDO” ed il “GIORNALE INTERATTIVO DI SAN DONATO” Si associano e collaborano all riusita di queto immenso EVENTO !!

Dal mare Tirreno al mare Jonio attraverso il Parco Nazionale del Pollino.MAPPA
La Calabria, la Basilicata, regioni con tradizioni antiche vecchi sapori di genuinità , pieni di storia, arte e cultura.
La costa Tirrenica, la costa Jonica, mari da incanto con spiagge meravigliose e stupende con in mezzo questa meravigliosa Perla “il Parco Nazionale del Pollino “, grotte, gole, canyon, timpe, strapiombi, abissi, inghiottitoi, sorgenti, fiumi, laghi, altipiani, edifici storici, castelli e santuari. Non ci sono parole, bisogna partecipare e sostenere “ La grande attraversata  del Pollino“ per ammirare la bellezza di questi luoghi.
L’ iniziativa prevede la possibilità di coinvolgere molti Gruppi, appassionati e amanti della montagna ma anche gente comune, famiglie, per accompagnarli in un favoloso trekking dai contorni avventurosi  che percorra il cammino dal Tirreno allo Jonio attraverso i monti dell’Orsomarso e del Pollino, snodandosi attraverso alcuni dei paesaggi naturalistici tra i più incantevoli, variegati ed incontaminati del Parco Nazionale del Pollino, per fare tappa presso i santuari, luoghi mistici pieni di fede e paesi anche di origine Albanese.
Per gustare ad ogni tappa la gastronomia con prodotti tipici e vini locali .
Per dormire a contatto della natura, sotto il cielo stellato e in rifugi.
È previsto l’utilizzo, come mezzo di trasporto del necessario materiale e dei viveri per lo svolgimento dell’itinerario, di asini, messi a disposizione da appassionati e allevatori.
La partenza è prevista dalla bellissima  spiaggia di Belvedere Marittimo (CS), il 18 giugno 2011 attraversando il Parco più grande d’Italia passando per luoghi stupendi per poi arrivare dopo 12 tappe il 29 giugno 2011 all’ incantevole spiaggia di Villapiana Lido (CS), ognuno può decidere a quale tappa aderire ed inoltre aggiungersi al gruppo è facile perché i singoli posti – tappa sono raggiungibili in auto.
Gruppi partecipanti : CAI sezione di Cosenza – Sottosezione CAI Frascineto – Gruppo CAI di Verbicaro – Gruppo Speleo del Pollino – Protezione Civile –Aquile del Pollino di Frascineto ( CS) – Amici della montagna di Belvedere Marittimo
Amici della montagna di San Donato di Ninea – Gruppo Avis e circolo della terza età di Francavilla Marittima , Gruppo Giza di Sant’Agata d’Esaro.

Collaborano il gruppo di Facebook “Amici di  San  Donato di  Ninea Nel Mondo”
Il giornale interattivo  di San Donato di Ninea Continua a leggere

Arrestate due persone per usura ed estorsione Martedì 24 Maggio 2011

Da diritto di Cronaca…

Arrestate due persone per usura ed estorsione Martedì 24 Maggio 2011 14:26 – di Redazione Letture: 399 – ALTOMONTE – (Comunicato stampa) Questa notte i militari della stazione di San Donato di Ninea hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di Scarpino Michele, di Altomonte, classe 1971; e Lento Giuseppe, di Altomonte, classe 1981. I due sono stati arrestati per i reati di usura ed estorsione. Le odierne misure derivano da un’indagine di iniziativa che veniva avviata dal comando stazione di San Donato di Ninea, a conoscenza dello stato di soggezione di una persona della zona che avrebbe chiesto in prestito nel lontano anno 2000 allo Scarpino, la cifra di 10 milioni di lire. Per ogni anno, sin da allora, la vittima aveva dovuto corrispondere un interesse percentuale variabile tra il 60 ed il 77,7 firmando anche cambiali, ricorrendo ad altri prestiti per onorare i suoi debiti fino ad essere minacciato di morte dai due assieme per non aver più potuto corrispondere quanto richiesto. L’intimidazione delle minacce e le continue vessazioni dei due, nulla facevano trapelare all’inizio dalla bocca della vittima che veniva avvicinato dai militari operanti e solo dopo ripetute insistenze ed aver acquisito fiducia nel personale della stazione di San Donato di Ninea questi confidava la propria disperazione per non poter più onorare il debito che dai 10 milioni del 2000 era diventato 80 mila euro nel 2011. Tutto quanto riferito veniva poi riscontrato da puntuali accertamenti che venivano delegati dall’Autorità Giudiziaria a personale della Compagnia della Guardia di Finanza di Sibari che accertava mediante documentazione varia quanto riferito dalla vittima. Questa notte il primo dei due è stato rintracciato ad Altomonte mentre il secondo veniva rintracciato a Favara (Ag) ove era partito nottetempo per andare a far visita al padre Saverio che ivi si trova ristretto per altri fatti. I due si trovano adesso rispettivamente nelle case circondariali di Castrovillari e Agrigento. Il Pm procedente, dott. Baldo Pisani ed il Gip dott. Cataldo Collazzo sono stati informati del buon esito delle operazioni e nei prossimi giorni sentiranno le ragioni dei due rispetto alle accuse mosse nei loro confronti.

Al Parco del Pollino si è parlato di programmazione comunitaria

Tratto da “Diritto di Cronaca …

CASTROVILLARI – (Comunicato stampa) “Il territorio del Pollino ha progettualità ed è avanti nell’ambito della programmazione comunitaria”. E’ quanto ha detto, in sintesi, stamani, l’assessore regionale della Calabria al Bilancio e alla Programmazione, Giacomo Mancini, apprezzando il lavoro svolto dal Parco Nazionale del Pollino, presieduto da Domenico Pappaterra e dai sindaci che numerosi hanno preso parte all’incontro politico-istituzionale organizzato dal Parco proprio sul tema della programmazione comunitaria. Con particolare riferimento al POIN, il Programma Operativo Interregionale che vede protagonisti tutti i Comuni calabresi del Parco nel progetto denominato “Il polo degli alberi bianchi”, in onore al Pino loricato. Programma rimasto fermo per quattro anni e che ora, con la nuova autorità di gestione, il governo nazionale, sta riprendendo il suo cammino. Tanto che proprio oggi, ha comunicato l’assessore Mancini, è in corso una riunione a Roma del Comitato di Sorveglianza, che potrebbe destinare alla Calabria 50 milioni di euro che verrebbero utilizzati per la realizzazione di alcune opere strutturali in grado di aumentare la capacità attrattiva turistica del territorio. Proprio com’è nello spirito del progetto del Polo degli alberi bianchi. Ma anche i PISL, i Programmi Integrati di Sviluppo Locale stanno per produrre i primi risultati concreti. Tra circa due settimane, infatti, saranno pubblicati i bandi a cui concorrere per la distribuzione delle risorse, 400 milioni di euro complessivi, per la Calabria, di cui 180 milioni di euro interesseranno la provincia di Cosenza. Il PISL si muove su sette tipologie d’intervento per le quali “risulta evidente – ha detto Mancini dopo avere ascoltato il presidente del Parco e i rappresentanti istituzionali del territorio – che questo territorio è interessato ad ognuna di esse”. Mancini ha apprezzato il lavoro svolto anche perché “si è colta l’esigenza di ragionare come ambiti territoriali vasti”. Ora è necessario, ha chiesto l’amministratore regionale, “allargare questa visione ai soggetti privati e del partenariato per partecipare ai bandi dei PISL in pubblicazione”.
Infine l’on. Mancini ha chiesto all’assemblea di fissare un corno programma per lavorare in questi prossimi 90 giorni per portare i risultati concreti da tutti auspicati per rafforzare e capitalizzare le potenzialità di un’area protetta che ha un patrimonio unico da valorizzare.
In apertura era toccato al presidente del Parco, Pappaterra, introdurre i lavori ricordando tutta la progettualità messa in campo per razionalizzare gli interventi. Agendo in maniera diversa rispetto al passato. Un lavoro svolto in sinergia con tutto il gruppo dirigente del territorio, ha sottolineato Pappaterra, che ha dato, sinora, ottimi frutti. Istituzioni protagoniste dal basso, insomma, come sottolineato anche dal vice presidente della Comunità del Parco, il sindaco di Castrovillari, Franco Blaiotta che è intervenuto insieme con altri primi cittadini del Parco calabro-lucano: Enrico Granata, di Belvedere che ha parlato a nome di un’associazione di 17 comuni; Vittorio Blois, di Civita, che ha rappresentato i sei Comuni dell’Ecomuseo del Paesaggio della Valle del Raganello; Giovanni Manoccio, di Acquaformosa, consigliere dell’Ente Parco, che ha fatto riferimento alle minoranze etniche e allo spopolamento che vive il territorio; Riccardo Benvenuto, presidente della Comunità montana Alto Tirreno – Appennino Paolano; Pietro Tarasi, presidente di Coldiretti Cosenza; Maria Toscano, presidente di Confagricoltura Cosenza; Gianpietro Coppola, sindaco di Altomonte; Mario Albino Gagliardi, sindaco di Saracena; il dirigente del Settore Programmazione della Provincia di Cosenza, Giovanni Soda; in rappresentanza del presidente della Provincia, Mario Oliverio. Presenti, pure, al seguito dell’assessore Mancini, il dott. Tommaso Calabrò del dipartimento Programmazione della Regione Calabria, il dott. Castaldo del Formez e, per conto dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, la dottoressa Marianna Gatto.

Provincia/Forciniti: Sibari avrà il suo aeroporto

“E’ giunto il momento di mettere definitivamente da parte spirito di appartenenza, veti campanilistici  e colorazioni politiche per porre immediatamente mano alla realizzazione di una serie di obiettivi concreti per lo sviluppo ed il decollo infrastrutturale della provincia di Cosenza e della Calabria”.  E’ quanto afferma, in una nota, l’Assessore Provinciale ai Trasporti e alla mobilità urbana, Giovanni Forciniti. “Le infrastrutture rappresentano per noi, infatti – prosegue Forciniti – una priorità assoluta. E su di esse dovremo portare avanti, nei prossimi mesi, un confronto sereno ma serrato con il Governo nazionale e con quello regionale. La nostra provincia si pone come trasversale di collegamento tra il Corridoio VIII, il Corridoio I e il Corridoio Meridiano e, dunque, come ambito obbligato delle relazioni e dei flussi sulla direttrice tirreno-ionico-adriatica tra Gioia Tauro, l’area dell’istmo Catanzaro-Lamezia, l’Area Urbana Cosentina, la Valle del Crati, la Sibaritide, il Metapontino, Taranto e Bari. Il territorio cosentino si prefigura, quindi, come un grande sistema di collegamento a livello euromediterraneo, un importante snodo tra le reti dei grandi Corridoi e le reti locali. Guai se non sappiamo cogliere questa occasione, che è unica ed irripetibile, per realizzare un Grande Progetto di Sviluppo Territoriale che, risolvendo una volta per tutte le criticità legate al deficit infrastrutturale, valorizzi al massimo le potenzialità del territorio secondo precise linee di azione. Una componente fondamentale, in tal senso, riguarda le infrastrutture stradali, ferroviarie, portuali e aeroportuali”. “In questo quadro – continua l’assessore Forciniti – lo abbiamo detto e ripetuto più volte nel corso di questi anni, un’attenzione particolare merita il Porto di Corigliano che è, per l’ampiezza delle banchine e la profondità dei fondali, paragonabile al Porto di Gioia Tauro e agli altri grandi hub portuali mediterranei.  In questi anni, abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità per valorizzare questa grande infrastruttura. Il nostro intervento è stato premiato ed oggi il Porto di Corigliano è riconosciuto come nodo strategico nella mappa della portualità industriale e commerciale italiana ed è destinatario di consistenti risorse finanziarie per l’adeguamento delle strutture e lo sviluppo dei servizi. Nei mesi e negli anni che verranno continueremo a contribuire alla strategia di inserimento del Porto di Corigliano nel contesto internazionale delle grandi vie del mare e delle rotte mediterranee e nei pacchetti di offerta degli operatori crocieristici. Infine, opereremo per sviluppare progetti di cooperazione, nell’ambito dei Programmi Comunitari Interreg e Med, per inserire il Porto di Corigliano in reti di partenariato euromediterraneo su tematiche come la sicurezza dei trasporti marittimi, la tutela ambientale, l’integrazione dei sistemi di controllo, le reti logistiche, i corridoi trans-mediterranei delle merci dell’agroalimentare, ecc.”. “Altro punto irrinunciabile per il rilancio della nostra provincia e dell’intera regione – prosegue l’assessore provinciale – è la realizzazione dell’Aeroporto della Sibaritide o, come sarebbe più giusto definirlo, della provincia di Cosenza. Il nostro impegno e quello del Presidente Oliverio a realizzare quest’opera di straordinaria importanza strategica per l’intero territorio è pieno e concreto ed è ampiamente dimostrato dai fatti. Grazie alla Provincia, alla Camera di Commercio e alla volontà di tantissimi operatori economici, infatti, dopo 23 anni di parole e di promesse, questo progetto ambizioso oggi sta finalmente prendendo concretamente corpo. Nei giorni scorsi il Consiglio Provinciale ha approvato a larga maggioranza lo stanziamento di venti milioni di euro nel Piano degli Investimenti per la realizzazione di questa importante opera. E’ una tappa importante, che segna il passaggio dal linguaggio delle promesse a quello della concretezza. Peccato che i consiglieri provinciali del centrodestra non abbiamo saputo cogliere questa occasione per mettere da parte definitivamente atteggiamenti pregiudiziali ed ostruzionistici che non servono a nulla ed aprire una nuova stagione della concretezza e delle realizzazioni a favore delle nostre popolazioni e dei nostri territori”. “La provincia di Cosenza, che è la più grande della Calabria e rappresenta nel panorama regionale il 50% dell’intero territorio e il più alto livello del Pil – conclude Forciniti – è stanca di rimanere ferma al palo o essere penalizzata per discorsi e calcoli di puro stampo campanilistico. Questa volta andremo avanti fino in fondo e al Presidente Scopelliti, subito dopo la campagna elettorale, chiederemo di mantenere gli impegni assunti un anno fa con le popolazioni della Sibaritide. I cittadini di Cosenza e della Piana di Sibari avranno il loro aeroporto e noi apriremo il cantiere”.

logo

Gli over 75 possono non pagare il canone Rai

Scritto da AGORA’ ALTOJONIO news

La Finanziaria statale del 2008 – dichiara Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” – ha abolito il pagamento del canone Rai per gli over 75 anni con un reddito non superiore a 516,46 euro per tredici mensilità: una platea di persone più ampia di quello che si potrebbe immaginare ma poca pubblicità è stata data dai media e dagli uffici competenti alla circolare che stabilisce i requisiti per l’esenzione. Di fatto, hanno diritto alla esenzione del pagamento del Canone Rai tutti coloro i quali, avendo compiuto 75 anni di età prima della scadenza del pagamento del canone stesso,vivano da soli o con il coniuge, e abbiamo un reddito complessivo non superiore a € 6713,98. Il documento a cui fare riferimento per ottenere l’esenzione è il CUD dell’anno precedente. – La domanda di esenzione deve riferirsi al canone Rai dell’apparecchio televisivo presente nell’abitazione in cui si ha la residenza “entro il 30.04.2011″ per gli abbonamenti annuali ed “entro il 31.07.2011″ per quelli semestrali. Con allegata copia di documento d’identità e precise indicazioni dell’Abbonamento in essere, deve essere inoltrata a: AGENZIA DELLE ENTRATE – Ufficio Torino 1 S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – 10121 – Torino. – Gli over 75 possono ottenere “entro il 30.04.2011″ anche il rimborso del canone versato nel triennio 2008-2010 (sempre che ci siano gli stessi presupposti), compilando l’apposito modulo messo a disposizione sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. – Per i pensionati che non hanno ancora raggiunto l’età e non abbiano un reddito che superi i 18.000,00 €, il Canone si può pagare anche a rate con una detrazione dalle tasse, in massimo 11 rate. La richiesta va presentata entro il 15/11 dell’anno precedente a quello cui si riferisce il canone Rai all’ente che eroga la pensione. L’ente comunica poi al pensionato l’accettazione della domanda entro il 15 del successivo mese di gennaio. L’addebito avviene come trattenuta sulla pensione, in 11 rate mensili a partire dal mese di gennaio dell’anno a cui si riferisce il canone Rai. E’ facile immaginare che in molti, pur avendone diritto, non hanno fruito materialmente dell’esonero dal canone a causa le lungaggini burocratiche che ledono soprattutto i diritti di tutti quegli anziani con difficoltà motorie e problemi di salute, che trovano oggettive difficoltà negli spostamenti. Pertanto lo Sportello Dei Diritti chiede ai mezzi di informazione di dare un’ampia informazione a tutti gli italiani che sono nelle condizioni di accedere a questo esonero per evitare che i cittadini siano costretti prima a pagare e poi a chiedere un improbabile rimborso.

L’adsl ou Wifi anche da noi?

La redazione …da giornaledicalabria.it

La Calabria sarà presto digitalizzata – ll ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta, ha incontrato il presidente Scopelliti: “In breve tempo questa regione sarà leader in Italia nel settore”

CATANZARO – Il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta, ha ricevuto ieri mattina a Palazzo Vidoni, il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti. “Nel corso dell’incontro – riporta un comunicato – è stato concordato un impegno straordinario della Regione per favorire la rapida implementazione e saturazione sul proprio territorio delle diverse iniziative in atto nell’ambito del Piano e-Gov 2012 per la digitalizzazione della burocrazia, della giustizia, della scuola e della sanità.L’obiettivo dichiarato è quello di arrivare in pochi mesi – si legge nel comunicato – e comunque entro l’estate, alla digitalizzazione degli atti e delle notifiche in tutti gli uffici giudiziari calabresi; all’adesione di tutti gli istituti scolastici sia al programma “Scuole in Wi-Fi” (realizzando reti di connettività senza fili interne agli edifici per offrire servizi innovativi di tipo didattico e amministrativo) sia alla piattaforma interattiva “ScuolaMia” per genitori e insegnanti; all’applicazione del nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale così come all’estensione negli uffici di diretto contatto con il pubblico del servizio di customer satisfaction “Mettiamoci la faccia”; all’avvio nella sanità calabrese della ricetta medica elettronica e del fascicolo sanitario elettronico”.“La Calabria – ha dichiarato il ministro Brunetta al termine dell’incontro – ha tutte le potenzialità per diventare in breve tempo la regione leader in Italia nel settore della digitalizzazione dei servizi pubblici per cittadini e imprese. Sono sicuro che l’impulso politico del governatore Scopelliti si rivelerà determinante per raggiungere questo ambizioso traguardo”.

da giornaledicalabria.it

BUON 24 MAGGIO A TUTTI….

La redazione …

BUONA FESTA A TUTTI …

Bungiorno a voi tutti

leggendo tutti questi commenti debbo dire che é la risultante dell’esito elettorale del 15/16 maggio un quasi 50% per le due liste…il paese diviso in due,normale che ci siano tanti commenti ed attacchi verso l’amministrazione uscente e quella dichiarata vincente anche se per 1 voto… per far chiudere questi commenti elettorali VORREI AUGURARE alla lista uscente un buon coraggio nel nuovo ruolo d’opposizione ed alla lista  vincente un AUGURIO di buon lavoro per scrivere un nuovo capitolo nella storia del nostro paese…

A tutti ,dunque,un AUGURIO di buon lavoro ,per il bene di tutti e del nostro paese “SAN DONATO DI NINEA”

Profitto di questo mio intervento per augurare a tutti voi paesani residenti e coloro sparsi nel mondo intero” UNA BUONA FESTA del 24 maggio”.

Luigi Bisignani