Archivi del mese: settembre 2010

IL METANO ARRIVA ANCHE A SAN DONATO DI NINEA!!!

La redazione…

IL METANO ARRIVA ANCHE A SAN DONATO DI NINEA

A breve scadenza a San Donato di Ninea verrà realizzata la rete per la distribuzione del gas metano.
Tutti gli abitanti della comunità potranno trarre notevoli vantaggi dall’utilizzazione di questa importante fonte di energia pulita e compiere ulteriori passi verso la civiltà ed il miglioramento della qualità della vita.
San Donato di Ninea, con questo servizio, si inserirà tra le cittadine più progredite del comprensorio. E’ evidente che la distribuzione del metano offrirà notevoli benefici a tutta la cittadinanza non solo sotto l’aspetto dei costi e del risparmio: verrà, infatti, garantita l’erogazione continua ed ininterrotta del gas per uso riscaldamento e cucina che, per una cittadina montana quale quella di San Donato di Ninea, rappresenta una fondamentale e vitale esigenza.

Annunci

Riflessioni: La ciuca compagna di vita e di lavoro per la nostra gente

Giuseppe Iannitelli mi scrive e pubblico …

Volevo un attimo soffermarmi a valutare un po’ questo animale, che oggi con il mondo motorizzato , l’abbiamo lasciato usandolo solo per i nostro passatempi. Non era cosi’ anticamente:Dalle nostre parti ed altre luoghi del sud possedere un ciuco era un po’ un vanto di benessere . con esso infatti si potevano alleviare le fatiche giornaliere ; accompagnava per tutta la giornata il padrone, egli toglieva i pesi di dosso e alle donne gli evitava di trasportarli sulla testa;accollandosi cosi’ tutti questi disagi.Quando non aveva grosse some da portare, serviva al padrone per salirci sopra per alleviarsi della stanchezza del cammino .Sia in inverno che in estate al ciuco gli veniva caricato sul dorso tutto
quello che serviva durante l’anno :legna frasceddre prodotti alimentari barlette con acqua, insomma tutto per il fabbisogno delle famiglie.Oggi tutto e’ facile: Premiamo un bottone e si accende il riscaldamento,luce e gas;si apre un rubinetto e viene giu’ acqua calda o ,fredda ;tutto e’ a portata di mano con facilita’.
Continua a leggere

Riflessioni: un ringraziamento alle nostre donne!!!

Giuseppe Iannitelli mi scrive e pubblico …

Mi viene spontaneo pensare e riflettere a tutto quello che le nostre donne
hanno fatto e sopportato negli anni  ante e post guerra. Ho pensato che tutto cio’ che e’ successo nella nostra casa si e’ ripetuto in tante famiglie della nostra zona.Nel periodo suddetto,in molti paesani c’era la volonta’,che a seguito di una constatazione economicamente positiva, di recarsi all’estero o in altre parti d’italia per lavorare.Gli interessati Hanno fatto fare, in precedenza, richieste da persone gia’ emigrate ,per agevolare la documentazione di espatrio con la quale si potevano recare negli stati uniti,in argentina ecc.. come  alcuni miei parenti e come stava facendo mio padre.Altre persone si sono avvalse della conoscenza di paesani, per recarsi in altre parti d’europa: Francia Svizzera Germania ecc…altre infine si sono trasferite al centro e al nord d’Italia . Noi ci siamo trasferiti in toscana che precedentemente c’era venuto mio padre  ed aveva iniziato a lavorare in una miniera di carbone a Ribolla prov. di Grosseto.L’impegno lavorativo consisteva nell’estrazione di lignite in quanto il carbone all’epoca era necessario per molti usi ,compreso l’alimentazione dei treni , indispensabili  per il trasporto non solo di persone ma anche di macchinari bellici utili per la guerra che si stava avvicinando.Attenzione ! la miniera era considerata anche all’ora L’ULTIMO PANE non solo per mio padre ma per tutti coloro che hanno svolto lo stesso lavoro in altre parti come in Belgio, Francia e sud e nord America.Non so perche’ questo mestiere massacrante ,sotto terra, e’ toccato sopratutto ai nostri genitori.
Continua a leggere

Il municipio trasloca ,Scatta la PETIZIONE !!

Carmine Caruso ci scrive

Il Municipio Trasloca….scatta la petizione!!

San Donato di Ninea (Cosenza)
People have the poweril popolo ha il potere!!,il popolo ha la forza e forse anche il dovere morale contro le cose che propprio non gli vanno giù.
Citando il ritornello della potessa del Rock »si puo arrivare,con le dovute proporzioni ai fatti che in questi giorni stanno animando la popolazione,nel piccolo paese in provincia di Cosenza, si sta svolgendo una piccola
“RIVOLTA”popolare per protestare contro la paventata decisione dell’amministrazione comunale di spostare la sede del municipio da piazza Adolfo Pucciani,in pieno centro storico, a contrada Cutura presso i locali dell’edificio scolastico rimasti vuoti dopo  l’accorpamento delle scuole elementari  e medie  in un unico plesso.
Il tutto é partito da due petizioni,compilate da alcuni cittadini di San Donato di Ninea :Benetto Vuono,Franco Iannitelli e Luigi Cozzitorto,nelle quali si esprime il dissenso nei confronti di questo provvedimento ;naturalmente le ragioni sono varie e vanno da quelle storiche.
La casa comunale,infatti ha sempre avuto sede nell’ex piazza Giuggiolo ,fin dalla sua creazione nel dopo guerra,opera del sindaco  in carica a quei tempi :Innoncezo Iannuzzi,a quelle pratiche come per esempio la difficoltà  in un paese abitato ,in larga parte da persone anziane di ragiungere l’eventuale nuova dislocazione.
Continua a leggere

Riflessioni sui nostri antenati…

Giuseppe  Iannitelli ci ha scritto

«  U FURISIEDDDRU » « U PIPAZZU SINISI »…
Riflessioni sui nostri antenati…

U FURISIEDDDRU :

Anticamente nelle nostre zone c’erano le famiglie povere e quelle ricche ,non esisteva una classe bastava per essere considerata una famiglia ricca possedere poche cose come qualche orto,qalche appezzamento di terreno,un castagneto,qualche animale insomma qualche voce di questo elenco. questi possedimenti erano basilari per determinare la ricchezza di una famiglia.il povero si offriva per lavorare alle dipendenze del ricco quasi sempre solo per mangiare ed assolveva i lavori in campagna e custodiva gli animali. In somma faceva il « f u r i s u ».Q uando questultimo andava in campagna,il padrone gli dava spesso un pezzo di pane integrale=mischiddru= condito con pomodoro strofinato,sale,origano ed olio il tutto avvolto in un= stiiavuccu =tovagliolo gli veniva dato integrale perche’ considerato di qualita’ inferiore rispetto a quello bianco che mangiava il padrone, si faceva questa opezazione per non far perdere tempo al furisu infatti mangiando sul posto di lavoro evitava il viaggio per mangiare a casa,e poteva cosi’ lavorare di piu’.questo tipo di pane ha preso cosi’ il nome di furisieddru che in effetti era l’alimento basilare del furisu.noi lo cerchiamo con interesse nei supermercati e lo mangiamo con voracita’ condito come il furisu.spero di avervi tolto qualche curiosita’ un saluto a tutto il gruppo

U PIPAZZU SINISI :
al pipazzo sinisi non sapendo analiticamente il significato di queste
due parole ho chiesto a diversi nostri paesani e parenti, ma non ho
trovato la giusta spiegazione.guardando casualminte una trasmissione
……televisiva hanno fatto vedere che a senise localita’ in prov. di
potenza =non lontano dalle nostre mon…tagne=,per
il clima altitudine aqcua ecc…c’e’ una grossa coltivazione d.o.p. di
pipazzi che macinati o infilati, da decenni ,vengono esportati in molte
parti del mondo questa e’ la provenienza e il significato di sinisi .un
saluto agli amici

Giuseppe Iannitelli

Maria Francesca colpisce ancora!!!

La redazione scrive…

Lo sport il migliore mezzo di comunicazione per far consocere il propio paese natale : San Donato di Ninea
Con la reggina dello sport,l’atletica leggera ,San Donato di Ninea ha nella famiglia Cortese ;i migliori messaggeri per una splendida pubblicità.Veri campioni d’atletica!!!
Maria Francesca da ormai tanto tempo sta collezionando premi per la sua grande bravura Il 5 settembre ancora un podio,a Cassano Ionio si é parlato del nostro paese: San Donato di Ninea,Maria Francesca é arrivata seconda alla mezza maratona Sibaritede,seconda, prima della sua categoria e terza assoluta
Ha ricevuto come si deve tanti premi e coppa ONORANDO altamente SAN DONATO DI NINEA.
Mentre suo marito Gragorio Cortese anche lui abbonato ai podi di queste corse podistiche si é piazzato terzo ricevendo premi e coppa alzando gli occhi al cielo penso che ha avuto un pensiero per il nostro Amico Luigi Iannitelli e per il nostro paese : San Donato di Ninea…
Un grande bravo a questa famglia di sportivi Sandonatesi…spero e mi auguro che con tutta questa esperianza che ha la famglia Cortese, si pensi un po a creare una scuola « d’ atletica Sandonatese »
Continuate cosi , portate in alto il nome del nostro paese ,le chiacchere stanno a ZERO!!!

San Sosti…L’Amministrazione comunale rilancia la secolare Fiera del Pettoruto

Comunicato Stampa

La famosa e secolare Fiera della Madonna del Pettoruto, santuario mariano conosciuto in tutto il sud Italia, apre i battenti l’1 settembre e si conclude come ogni anno giorno 8. Questa secolare Fiera però quest’anno si attrezzerà di nuovi stand e categorie merceologiche che andranno a ricoprire l’intera arteria comunale di via Giacomo Matteotti, prolungamento naturale della famosa via Piano della Fiera che al contrario sarà occupata dalle tradizionali bancarelle. Lo afferma l’assessore al commercio ed alle attività produttive Dott.ssa Francesca Ranuio, che continua:

“Lo scopo principale dell’amministrazione comunale è di rilanciare e meglio qualificare la nostra Fiera, rendere più moderna e attrezzata una manifestazione che va ormai avanti da secoli. Si sente il bisogno di un grande progetto di rilancio coinvolgendo nuove aziende che saranno presenti con nuove categorie merceologiche, dai prodotti tipici all’artigianato, con l’allestimento di stand di nuova conformazione anche sotto il profilo estetico sempre nella salvaguardia della tradizione. Il grande progetto che stiamo studiando per i prossimi anni prevede nuove aree attrezzate per i parcheggi, una variante parallela a via Piano della Fiera per una migliore organizzazione della viabilità, strutture e manufatti per portatori di handicap, nuovi raccordi e collegamenti con il santuario, servizi igienici e servizi alla persona, nonché riorganizzazione e riqualificazione espositiva. Per la prima volta quest’anno saranno presenti archi illuminati e spettacoli serali; sarà inoltre sperimentata la Fiera di notte che noi abbiamo ribattezzato con il nome di NOTTEINFIERA, per dare l’opportunità ai visitatori di recarsi in Fiera anche nella tarda serata. Il mio auspicio e dell’intera amministrazione comunale, conclude l’assessore, è di portare la nostra Fiera a livelli regionali e che rappresenti il punto di riferimento fieristico dell’intera Calabria come merita la tradizione, senza mai tradire quest’ultima. Innovare si può e si deve ma senza stravolgere e annientare la storia; la tradizione appartiene a tutti e tutti dobbiamo conservarla”.